Anni ‘1940: musica

La varietà di musica introdotta agli americani durante la Depressione (1929-41) continuò ad evolversi durante gli anni Quaranta. Il blues divenne elettrizzato e si trasformò in rhythm and blues (R&B), boogie-woogie e quello che divenne noto come "jump blues", gettando le basi per l'emergere del rock and roll nei prossimi decenni. La musica blues era ora registrata facilmente ed a buon mercato su nuovi registratori a nastro magnetico. Un altro nuovo stile musicale chiamato "bebop" sviluppato nei club di danza jazz di Manhattan e Chicago. Bebop ha offerto a musicisti di talento, come i trombettisti Dizzy Gillespie (1940–1917), il giovane Miles Davis (1993–1926) e il pianista Thelonious Monk (1991–1917) la possibilità di brillare. C'era spazio nel bebop per l'improvvisazione (creazione di musica spontanea) nelle canzoni.

Come parte del programma New Deal per dare lavoro alle persone, i ricercatori governativi pagati dal New Deal hanno cercato e registrato la musica folk americana. Tuttavia, anche la musica folk e montanara stava cambiando. Come il blues, la musica country incorporava elementi di altri stili, in particolare lo swing, e faceva uso di chitarre elettriche e d'acciaio, che lo avvicinavano a quello che sarebbe diventato rock and roll. La musica country era particolarmente apprezzata dalle grandi popolazioni di popolazioni rurali che si erano trasferite nelle città. Ma anche i militari adoravano la musica. La divisione dei servizi speciali del teatro delle operazioni europeo ha organizzato un tour di bande nazionali alle truppe che combattono in Europa. Il Grand Ole Opry Il programma radiofonico è stato uno dei programmi radiofonici più ascoltati durante il decennio. Roy Acuff (1903-1992) è stato uno dei cantanti country più popolari. Come il jazz, la musica country aveva una propaggine che apprezzava l'improvvisazione. Bluegrass si è sviluppato durante gli anni '1940 e ha evidenziato le abilità dei suonatori di banjo e chitarristi e ha caratterizzato le canzoni della vita dura: ubriachezza, disoccupazione, problemi coniugali e rimpianti.

All'inizio del decennio, le orchestre swing-jazz suonavano nelle sale da ballo, alla radio, nelle colonne sonore dei film e su dischi singoli e di lunga durata che erano grandi venditori. Queste big band erano spesso caratterizzate da un cantante popolare, come Billie Holiday (1915–1959), Bing Crosby (1904–1977) e Frank Sinatra (1915–1998), che cantava (cantava con una voce morbida proprio per l'amplificazione attraverso un microfono) al pubblico. Dopo la seconda guerra mondiale (1939-45), i suoni dinamici degli ottoni delle big band furono sostituiti da più strumenti a corda per sviluppare una musica pop più morbida.