Anestesia, scoperta di

Anestesia, scoperta di. La scoperta dell'anestesia chirurgica nei primi anni 1840 rappresentò un contributo americano unico alla medicina. Tra il 1842 e il 1846 furono effettuati quattro ben noti tentativi di applicare l'anestesia chirurgica, con successo variabile. Il quarto tentativo, nell'ottobre 1846, inviò la notizia della scoperta dell'anestesia in tutto il mondo. Tuttavia, fu anche seguita da una sconveniente lotta tra tre degli uomini coinvolti nella sperimentazione per il merito della scoperta. William E. Clarke era uno studente di medicina presso il Berkshire Medical College nel Massachusetts. Nel gennaio 1842 tornò nella sua città natale di Rochester, New York, durante una pausa nel programma delle conferenze. Clarke ha scoperto che la sorella di uno dei suoi compagni di classe, una signorina Hobbie, aveva bisogno di un dente estratto. Usando un asciugamano, Clarke ha applicato etere e il dente è stato rimosso senza dolore. Tuttavia, il professor EM Moore, il precettore di Clarke, gli disse che l'intero incidente poteva essere spiegato come la reazione isterica delle donne al dolore. Su suggerimento di Moore, Clarke interruppe la sua sperimentazione.

Nel marzo 1842 Crawford Long diede etere a James Venable per la rimozione di diverse cisti sebacee nel collo di Venable. A lungo ha continuato a lavorare con l'etere, ma come medico di campagna nella Georgia rurale ha avuto poche opportunità chirurgiche. Inoltre, essendo consapevole delle affermazioni secondo cui le operazioni potevano essere intraprese senza dolore attraverso l'applicazione del mesmerismo, Long voleva essere sicuro che fosse l'etere a causare l'insensibilità. Di conseguenza, Long non pubblicò le sue osservazioni fino al 1849.

Nel dicembre 1844 uno spettacolo itinerante di protossido di azoto arrivò a Hartford, nel Connecticut. Horace Wells, un dentista, ha osservato uno dei suoi concittadini lacerarsi una gamba mentre era sotto l'influenza del gas di protossido di azoto. La ferita non ha causato dolore. Wells ha concluso che il protossido di azoto potrebbe avere la capacità di eliminare il disagio chirurgico. Il giorno successivo, si è fatto rimuovere uno dei suoi molari senza dolore con l'uso di protossido di azoto. Ha continuato a sperimentare con il protossido di azoto e ha tentato una dimostrazione pubblica di anestesia chirurgica presso il Massachusetts General Hospital. Tuttavia, il paziente si è mosso e ha gridato (anche se in seguito ha affermato di non sentire dolore). Wells è stato pubblicamente ridicolizzato come un fallimento.

Un anno e mezzo dopo un altro agente, l'etere solforico, fu introdotto come possibile agente anestetico. William Thomas Green Morton, un dentista e studente di medicina, stava cercando un metodo di odontoiatria indolore per i suoi pazienti. Su suggerimento del suo professore di chimica, Charles Jackson, Morton iniziò a sperimentare con l'etere. Come con il protossido di azoto, coloro che cercano un'esperienza di intossicazione, specialmente gli studenti di medicina, hanno usato l'etere per anni. Morton ha anestetizzato un cane e molti altri animali, quindi ha fatto lo stesso con il suo partner per la rimozione di un molare. Avendo acquisito fiducia da questi esperimenti, Morton si è rivolto a John Collins Warren, professore di chirurgia di Harvard, per avere la possibilità di anestetizzare pubblicamente un paziente per un'operazione. Warren era d'accordo.

Il 16 ottobre 1846 arrivò la grande opportunità di Morton. È arrivato con un quarto d'ora di ritardo e Warren ha quasi iniziato l'operazione senza di lui. Attraverso un inalatore di vetro, Morton somministrò quello che chiamava letheon a Gilbert Abbott per la rimozione di un tumore alla mascella. Il paziente era silenzioso durante l'operazione e al risveglio non riusciva a ricordare la procedura. Warren, il chirurgo, esclamò: "Signori, questo non è un imbroglio".

Sorprendentemente, la notizia di questo evento si è diffusa in tutto il mondo nel giro di poche settimane. Alla fine di dicembre 1846 venivano somministrati anestetici a Londra e nel gennaio 1847 a Parigi e in altre capitali europee. A giugno la notizia era arrivata in Australia. Eppure, poiché Morton stava cercando un brevetto per letheon, sarebbero passate settimane prima che potesse essere usato regolarmente. Mentre cercava di nascondere la natura chimica del letheon, Morton fu convinto all'inizio di novembre a consentire al generale del Massachusetts un uso libero e illimitato dell'agente.

Morton, Wells e Jackson litigarono su chi dovesse ricevere il merito di aver inventato l'etere. Sono state presentate diverse richieste di risarcimento dal governo, principalmente come risarcimento per mancati introiti a seguito di violazione di brevetto. L'Academie des Sciences di Parigi nel 1848 assegnò a Wells il merito, con grande disgusto di Jackson e Morton. Durante la lunga battaglia politica, Jackson ha usato il lavoro di Crawford Long per screditare l'affermazione di Morton. Alla fine, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che concede credito e denaro a Morton per l'invenzione dell'anestesia, ma il Senato non l'ha adottato. Wells si suicidò nel 1848, Morton morì di emorragia cerebrale nel 1868 e Jackson morì in un manicomio nel 1880. Crawford Long morì di un grave ictus nel 1878 dopo aver partorito un bambino, l'unica persona collegata alla controversia sull'etere a non esserlo afflitto da rovina personale.

Bibliografia

Bolton, Thomas B. e David J. Wilkinson. "Le origini dell'anestesia moderna". In Una pratica di anestesia. A cura di TEJ Healy e PJ Cohen. Londra: Edward Arnold, 1995.

Finestra, Julie M. Ether Day: The Strange Tale of the Greatest Medical Discovery America and the Haunted Men Who Made It. New York: Harper Collins, 2001.

Nuland, Sherwin B. Medici: The Biography Medicine. New York: Knopf, 1988.

Stetson, John B. "William E. Clarke e il suo uso dell'etere del 1842". In The History of Anesthesia: Third International Symposium Proceedings. A cura di B. Raymond Fink. Park Ridge, Ill .: Wood-Library-Museum of Anesthesiology, 1992.

Toski, Judith A., Douglas R. Bacon e Roderick K. Calverley. "La storia dell'anestesiologia". In Anestesia clinica. A cura di Paul G. Barash, Bruce F. Cullen e Robert K. Stoelting. 4a ed. Philadelphia: Lippincott Williams e Wilkins, 2001.

Vandam, Leroy D. "L'introduzione dell'anestesia moderna negli Stati Uniti e la diffusione della buona notizia nel Regno Unito". In La storia dell'anestesia. A cura di RS Atkinson e TB Boulton. Casterton Hall, Regno Unito: Partenone, 1989.

Wilson, Gwen. One Grand Chain: The History of Anesthesia in Australia. Melbourne, Australia: The Australian and New Zealand College of Anesthetists, 1996.

DouglasPancetta affumicata