Andrew Gregg inchino

Il politico americano Andrew Gregg Curtin (1815-1894) fu l'influente governatore della Pennsylvania durante la Guerra Civile e uno dei più potenti sostenitori di Abraham Lincoln.

Il padre di Andrew Gregg Curtin era un immigrato irlandese che si stabilì in Pennsylvania nel 1793 e divenne uno dei primi produttori di ferro in quello stato. Curtin nacque il 23 aprile 1815 a Bellefonte, nella contea di Center. Dopo un'eccellente formazione tutoriale, ha letto legge ed è stato ammesso all'albo nel 1839. Ha subito formato una società con John Blanchard, in seguito un membro del Congresso. Fin dall'inizio, Curtin è stato un successo. Magnetico, onesto e popolare, possedeva modi congeniali, spirito pronto e straordinario potere di parola.

Curtin è entrato in politica in Pennsylvania all'età di 25 anni. Come Whig, ha condotto attivamente una campagna per conto delle candidature presidenziali di William Henry Harrison, Henry Clay, Zachary Taylor e Winfield Scott. Nel 1854 rifiutò la nomina a governatore e diede il suo sostegno alla candidatura di successo di James Pollock, che ripagò Curtin con l'alto incarico di segretario del Commonwealth. Il risultato più notevole di Curtin in quella posizione è stato quello di promuovere la causa dell'istruzione pubblica.

Nel 1860 Curtin fu determinante nell'assicurarsi la nomina presidenziale repubblicana per Abraham Lincoln. Lui stesso ha accettato di candidarsi alla carica di governatore contro la forte opposizione democratica. Ha vinto le elezioni con un ampio margine, e la sua vittoria è stata determinante per portare la Pennsylvania a Lincoln nelle elezioni nazionali un mese dopo.

Un sindacalista ardente, Curtin ha avuto un record immacolato come governatore della guerra civile della Pennsylvania. Suscitò un sostegno così precoce ed entusiasta per il Nord che cinque compagnie di truppe della Pennsylvania furono i primi soldati ad arrivare a Washington per la difesa della capitale. Quando lo stato aumentò il doppio della sua quota iniziale di 14,000 volontari, Curtin organizzò la forza extra nel Pennsylvania Reserve Corps. Durante la guerra Curtin fu "incessante nella sua devozione ai desideri e ai bisogni" dei soldati della Pennsylvania. Si assicurò che i suoi reggimenti avessero le armi e le attrezzature più aggiornate; ha fatto di tutto per prendersi cura dei feriti; e fu il padre di una legge che prevedeva l'educazione degli orfani di guerra nello stato. Questi e simili sforzi gli valsero il soprannome di "amico del soldato".

Dopo un secondo mandato come governatore, Curtin nel 1869 accettò l'ambasciatore in Russia. Tornò in America nel 1872 e sostenne la candidatura presidenziale di Horace Greeley, un'azione che allontanò i principali repubblicani. Curtin si è poi unito al Partito Democratico. Sconfitto in un'offerta del 1878 per il Congresso, si candidò di nuovo nel 1880 e vinse il primo di tre mandati consecutivi nella legislatura nazionale. Da allora in poi si ritirò nella sua casa di montagna, dove morì il 7 ottobre 1894.

Ulteriori letture

I messaggi e le proclamazioni di Curtin come governatore della Pennsylvania furono pubblicati dallo stato. Non esiste una biografia adeguata di lui. William H. Egle ha curato una serie di schizzi elogiativi Andrew Gregg Curtin: His Life and Services (1895). Per un'analisi della carriera di Curtin nella guerra civile vedere William B. Hesseltine, Lincoln e i governatori di guerra (1948). □