America classica: l’ovest: la california

Ambiente e insediamento precoce. L'attuale stato della California comprende una vasta gamma di ambienti. Nel nord ci sono grandi foreste umide situate tra montagne ripide. Nel centro dello stato corrono diverse valli ampie e ben irrigate, e nel sud si trovano i climi desertici tipici del sud-ovest. Anche la costa varia; alcuni tratti sono rocciosi e inaccessibili mentre altri hanno spiagge sabbiose. In California sono stati eseguiti pochi lavori archeologici e ricostruire la preistoria della regione è difficile. Quel poco di scavo fatto, tuttavia, conferma i modelli tipici del resto del continente. Le persone di Clodoveo entrarono nello stato circa novemila anni fa e tra il 6000 e il 3000 aC passarono dalla caccia alla selvaggina grossa alla caccia e alla raccolta. Nel 3000 aC gli abitanti arcaici avevano sviluppato strategie di sussistenza diversificate che diedero inizio a un periodo prolungato di diversificazione culturale regionale.

Porno: dal 3000 a.C. al 1600 d.C. I Pomos vivevano sulla costa settentrionale e dividevano il loro tempo tra foreste di sequoie costiere, dove erigevano accampamenti stagionali e pescavano e cacciavano mammiferi marini come foche, leoni marini e lontre marine, e le colline dell'entroterra dove costruivano villaggi semipermanenti. Vivevano in piccoli gruppi di diverse centinaia, ma i capi appartenevano a un'élite dominante differenziata dai cittadini comuni per il loro controllo di beni di prestigio come conchiglie, ornamenti ornamentali e altri beni che il popolo teneva in grande stima. La loro fonte di cibo più importante erano le ghiande che raccoglievano in autunno. Le donne li pestavano in farina e immergevano il pasto durante la notte in acqua per sanguinare i tannini dal sapore amaro prima di prepararlo in pane e zuppe. Le donne usavano anche mortai di pietra per macinare i semi e asciugavano le alghe per il consumo. Gli uomini cacciavano selvaggina piccola. La mancanza di ceramiche segna i Pomos come un popolo decisamente arcaico, e la loro cultura è cambiata poco dalle sue radici arcaiche prima del 1600 d.C.

Yokut: dal 4000 a.C. al 1600 ad Almeno ottomila anni fa i primi esseri umani si trasferirono nell'attuale San Joaquin Valley, nella California centrale. Dopo seimila anni apparvero le radici della cultura Yokut e nel tempo emersero due gruppi: gli Yokuts del Sud e gli Yokuts del Nord. Gli Yokuts del sud vivevano

un clima più arido rispetto alle loro controparti settentrionali e le ghiande scarseggiavano. Invece pescavano e cacciavano nelle paludi che caratterizzavano il corso della bassa valle. Migrarono poco e tendevano a vivere in villaggi permanenti e, come i Pomos, non svilupparono mai una tradizione autoctona della ceramica. Gli Yokuts del Nord godevano di un clima più mite, cercavano ghiande e pescavano salmoni. Mancavano anche le ceramiche, ma scambiavano contenitori di terracotta con le tribù vicine. Come i Pomos, gli Yokuts hanno subito pochi cambiamenti culturali nei millenni prima del 1600 d.C.

Chumash: dal 1000 a.C. al 1600 d Uno degli ambienti più ricchi della California includeva l'attuale Santa Barbara, dove uno stretto canale separa la terraferma dalle isole al largo e ospita una variegata popolazione di vita marina. Intorno al 5000 aC i primi umani si insediarono nell'area e nel 1000 aC la distinta cultura Chumash apparve nella documentazione archeologica. Anche se mancavano di ceramica, le donne Chumash producevano bacini e ciotole di steatite, un minerale che può essere scheggiato e macinato in una varietà di forme. Per la pesca e la caccia alla foca e alla focena nel canale, gli uomini costruivano canoe con assi. Quando non erano in mare, i cacciatori inseguivano cervi e conigli mentre le donne raccoglievano ghiande in ceste. La cultura ha mantenuto la sua forma di base anche nel periodo storico.