America classica: l’ovest: il sud-ovest

Cochise: 8000–300 aC Nelle regioni desertiche del sud-ovest americano i Paleo-indiani adattarono le loro tecniche di caccia alla selvaggina di grossa taglia all'inseguimento dei mammiferi più piccoli originari della regione. La cultura del deserto di caccia e raccolta, nota anche come tradizione Cochise, si sviluppò durante il periodo arcaico e quando il mais entrò nella regione dopo il 3000 aC, il popolo Cochise iniziò ad adottare uno stile di vita più sedentario. Tuttavia, la coltivazione di colture domestiche non limitava la Cochise a un sito particolare, poiché continuavano a seguire un modello di migrazione legato ai cambiamenti delle stagioni. Con lo sviluppo della ceramica intorno al 300 a.C., la cultura del deserto si sviluppò ulteriormente in tre tradizioni distinte: Mogollon, Hohokam e Anasazi.

Mogollon: dal 300 a.C. al 1100 d.C. La cultura Mogollon è emersa dalla tradizione arcaica Cochise ei loro siti archeologici possono essere trovati in tutta l'Arizona e nel New Mexico attuali. L'uso della ceramica e la continua evoluzione dell'orticoltura distinguevano i Mogollons dalla cultura del deserto più generale e li contrassegnava come le prime persone veramente sedentarie della regione. Vivevano in covi, strutture costruite parzialmente nella terra, che erano raggruppate in piccoli villaggi, e facevano affidamento su innovazioni come l'arco e la freccia, che apparvero per la prima volta tra loro intorno all'1 d.C., per integrare la loro dieta vegetale. Per ragioni sconosciute i Mogollon iniziarono a scomparire intorno al 1100 d.C. quando i loro siti cedettero il posto a siti identificabili con la tradizione Anasazi.

Hohokam: 300–1400 a.C. Anche gli Hohokam si sono evoluti dalla tradizione Cochise, ma hanno avuto origine più a sud dei Mogollons, nel deserto di Sonora. Col tempo si trasferirono nell'attuale Arizona e si stabilirono nell'area intorno a Phoenix e Tucson. Gli Hohokam erano molto più abili delle loro controparti Mogollon nella coltivazione del mais perché costruivano elaborati sistemi di canali per irrigare la terra arida. Costruirono anche grandi tumuli di terra per cerimonie religiose che attestavano il loro alto livello di organizzazione sociopolitica. In giro

1400 aC, tuttavia, la cultura Hohokam iniziò a mostrare segni di influenza Anasazi, e poco dopo scomparve del tutto dalla documentazione archeologica.

Anasazi: 1000–1300 d.C. Intorno all'anno 1000, gli Anasazi emersero come l'elaborazione preminente della tradizione Cochise. Situati negli odierni Utah, Colorado, New Mexico e Arizona, gli Anasazi si basarono su molti degli sviluppi compiuti dalle culture precedenti. Fecero e usarono cestini e pentole; irrigavano i loro campi per integrare le periodiche inondazioni dei fiumi della regione; e mantennero lo stile da miniera dei Mogollons. Ma hanno anche innovato. Ad esempio, gli Anasazi costruirono strutture speciali chiamate kivas per le loro cerimonie religiose. I kiva furono costruiti sottoterra e uomini e donne salirono attraverso il tetto e scesero su una scala per rendere omaggio al sipapu, un buco nel pavimento che portava al centro della terra da cui provenivano gli Anasazi, così raccontano le loro leggende. Se la loro religione li portava nella terra, le loro abitazioni salivano sempre più in alto. Gli Anasazi erano famosi per le loro abitazioni rupestri e per i loro villaggi di adobe situati in cima alle mesas, montagne dalla cima piatta, comuni nel paese desertico. I pueblos capienti e multipiano contenevano la fiorente popolazione degli Anasazi, e continuarono a prosperare fino al 1300 d.C. quando un ciclo di siccità e incursioni da parte dei popoli vicini li disperse nelle dozzine di piccoli pueblos sparsi che salutarono l'arrivo dei conquistatori spagnoli negli anni '1540 del XV secolo .

Athapaskan: 800–1540 ad I predoni che hanno decimato gli Anasazi erano gli Athapaskani che discendevano dai Na-Dénés, la seconda ondata di immigrati asiatici. Il gruppo nomade era migrato dalla regione delle Montagne Rocciose nell'attuale Canada al deserto sud-occidentale tra l'800 e il 1500 d.C., dove si stabilirono come intermediari nel commercio che avveniva tra il popolo dei pueblo e gli abitanti delle Grandi Pianure. Un ramo degli Athapaskan adottò le tradizioni locali, in particolare l'orticoltura e la tecnologia di irrigazione, e divenne noto come i Navajo. Altri gruppi, tuttavia, mantennero i modi nomadi dei primi Athapaskans arcaici originali. Gli Apache, ad esempio, hanno raccolto un po 'di grano, ma nel complesso sono rimasti divisi

su in piccole fasce e setacciato la campagna arida per il cibo.