Albert frederick pollard

Lo storico inglese Albert Frederick Pollard (1869-1948) si specializzò nel periodo Tudor. Fu influente nello sviluppo di studi storici nelle università britanniche.

Albert Pollard è nato sull'isola di Wight il 16 dicembre 1869, figlio di un farmacista. Ha frequentato il Jesus College di Oxford, dove è stato uno dei primi allievi di RL Poole, il famoso medievalista. Pollard si laureò nel 1891 e vinse un premio in borsa di studio nel 1892 che portò alla sua nomina come assistente editore del prestigioso Dizionario della biografia nazionale nel 1893, per il quale scrisse circa 500 articoli. Mentre lavorava al dizionario ha anche completato due studi biografici, L'Inghilterra sotto il protettore Somerset (1900) e Enrico VIII (1902).

Nel 1903 Pollard fu eletto alla nuova cattedra di storia costituzionale all'University College di Londra, che mantenne fino al 1931. Alla sua nomina c'era poco interesse per gli studi storici e pochi studiosi in quella zona all'University College, sebbene il campo fosse agli inizi sviluppare in altre università britanniche. Nella sua conferenza inaugurale Pollard espose un programma per sviluppare studi storici, e su questo lavorò duramente per i successivi 35 anni, sviluppando curricula e requisiti per i corsi di laurea.

Nel 1906 Pollard fondò l'Associazione Storica, che fungeva da collegamento tra professori universitari e insegnanti nelle scuole secondarie, e fu presidente dal 1912 al 1915. Nel 1916 fu in gran parte determinante nel persuadere l'associazione ad acquisire un periodico di fondazione, Storia. Lo ha curato per i successivi 6 anni, durante i quali è cresciuto immensamente in circolazione, qualità e influenza. Nel 1920 fu la forza principale dietro la fondazione dell'Istituto di ricerca storica dell'università, di cui servì come direttore dal 1920 al 1931 e come direttore onorario fino al 1939. Secondo un'autorità, Pollard fu in grado di realizzare tanto quanto fece per lo sviluppo degli studi storici perché si è fatto strada attraverso il groviglio della politica accademica londinese praticamente da solo. L'istituto divenne un centro nazionale per la ricerca di materie adatte allo studio nelle biblioteche e negli archivi di Londra, collaborando con altre università britanniche, sponsorizzando conferenze in collaborazione con studiosi americani e pubblicando il proprio bollettino a partire dal 1923.

Pollard era un membro di un comitato governativo della Società delle Nazioni e faceva parte della Commissione per i documenti parlamentari del 1929. Inoltre si candidò due volte senza successo per il Parlamento come candidato liberale.

L'interesse principale di Pollard era nel periodo Tudor. Ha scritto un tre volumi Regno di Enrico VII da fonti contemporanee (1913-1914) e una vita del cardinale Wolsey (1929). È stato anche determinante nel promuovere lo studio moderno della storia parlamentare. In generale, il suo punto di vista nelle sue numerose opere storiche è stato caratterizzato come protestante, inglese e liberale. Poiché Pollard non era particolarmente a suo agio nel gestire idee filosofiche o politiche, le sue opere sono caratterizzate da una preoccupazione per i tempi, i luoghi e i singoli attori della storia. Inoltre spesso dedicava uno spazio insolito all'analisi minuziosa delle parole. Il suo stile letterario è felice.

Verso la fine della sua vita Pollard è stato offerto un cavalierato, ma lo ha rifiutato. Morì il 3 agosto 1948 a Milford-on-Sea, Hampshire.

Ulteriori letture

La vita e la carriera di Pollard sono raccontate in Matthew A. Fitzsimons e altri, eds., Lo sviluppo della storiografia (1954). È stato pubblicato un necrologio di Vivian H. Galbraith Atti della British Academy, vol. 25 (1949). □