1850-1877: religione: pubblicazioni

Felix Adler, Creed and Deed; Una serie di discorsi (New York: Putnam, 1877) - una discussione sulle basi dell'Ethical Culture Movement, secondo cui la morale nasce da situazioni umane, non da comandi divini, ed è più importante della retta credenza nel valutare una persona;

Henry Ward Beecher, La raccolta di inni e melodie di Plymouth (New York: AS Barnes, 1855) - un inno per la Congregazione di Plymouth, una chiesa nominalmente congregazionale a Brooklyn, New York;

Antoinette Louisa Brown Blackwell, I sessi in tutta la natura (New York: Putnam, 1875) - sostiene che il mondo fisico non fornisce prove per negare alle donne un'istruzione o per mantenerle in un ruolo subordinato nella società;

William G. Brownlow, La grande ruota di ferro esaminata; o, i suoi falsi raggi sono stati estratti (Nashville, Tennessee, 1856) - una difesa metodista contro le accuse battiste secondo cui il metodismo non è la vera chiesa;

Horace Bushnell, Cristo in teologia (Hartford, Connecticut: Brown & Parsons, 1851) - avanza la tesi che il linguaggio usato nel discorso religioso sia, perché proveniva da una divinità infinita all'umanità finita, necessariamente impreciso, più dedito alla suggestione che alla descrizione esatta;

Bushnell, Christian Nurture (New York: Scribner, 1861) - contraddice l'enfasi tradizionale sull'esperienza di conversione con una tesi secondo la quale è possibile che gli individui, adeguatamente introdotti al cristianesimo fin dall'infanzia, non conoscano mai un periodo in cui non si considerano cristiani;

Bushnell, Natura e soprannaturale, come insieme costituiscono l'unico sistema di Dio (New York: Scribner, 1858) - sostiene la continuità tra il mondo fisico e quello invisibile, il che significa che Dio potrebbe comunicare con l'umanità attraverso il mondo naturale o con altri mezzi;

Andrew Jackson Davis, I principi della natura, le sue rivelazioni divine e una voce per l'umanità, undicesima edizione (New York: SS Lyon & W. Fishbough, 1852): il primo libro di Davis che descrive le sue esperienze di comunicazione con il mondo soprannaturale;

David Einhorn, Protesta contro una conferenza di rabbini in cui, su mozione del Rev. Dr. Isaac M. Wise di Cincinnati, è stata accettata la seguente piattaforma: "Che il Talmud è riconosciuto da tutti gli israeliti come il commento legale della Bibbia" (Baltimora, 1855): un trattato che descrive in dettaglio la controversia tra Wise ed Einhorn. Wise difende le tradizioni ebraiche fintanto che non ci sono ragioni moderne per abbandonarle mentre Einhorn giudica tutte le tradizioni in base alla luce moderna e desidera creare un Judiasma basato sulla comprensione della fede del diciannovesimo secolo;

Ralph Waldo Emerson, Uomini rappresentativi: sette lezioni (Boston: Phillips, Sampson, 1850) —tra questi saggi ce n'è uno su Emanuel Swedenborg, un vescovo svedese del diciassettesimo e diciottesimo secolo che divenne il centro di un movimento spirituale moderno;

Charles Grandison Finney, Memorie del Rev. Charles G. Finney. Scritto da lui stesso (Nuovo York: AS Barnes, 1876): l'autobiografia del famoso e influente revivalista dell'anteguerra settentrionale;

Octavius ​​Brooks Frothingham, La religione dell'umanità (New York: DG Francis, 1873) - sostiene la necessità di basare la religione su posizioni dottrinali ragionevoli e sull'importanza del lavoro individuale per migliorare il mondo;

James Gibbons, La fede dei nostri padri, sesta edizione rivista (Baltimora: J. Murphy, 1877): un'introduzione popolare al cattolicesimo;

James R. Graves, La grande ruota di ferro; o, repubblicanesimo arretrato e cristianesimo invertito. In una serie di lettere indirizzate a J. Soule, vescovo anziano della chiesa episcopale metodista del sud (Nashville, Tennessee: Graves 6c Marks, 1855): l'editore del Tennessee Baptist sostiene che la fede battista, non quella metodista, è la vera chiesa;

Isaac Thomas Hecker, Domande dell'anima (New York: Appleton, 1855) - prende le domande comuni che le persone hanno riguardo alla religione (la vita dopo la morte, l'importanza di una vita etica, come conoscere la vera fede e così via) e fornisce risposte cattoliche;

Charles Hodge, Cos'è il darwinismo? Il darwinismo e la sua relazione con le verità della religione naturale e rivelata (New York: Scribner, Armstrong, 1874) - sottolinea che la selezione naturale contraddice la dottrina di un Creatore onnisciente e onnipotente e rifiuta il darwinismo come spiegazione cristiana della creazione;

Levi Silliman Ives, Le prove di una mente nel suo progresso verso il cattolicesimo; Una lettera ai suoi vecchi amici (Boston: P. Donahoe, 1854) —Ives era stato un vescovo episcopale prima della sua conversione al cattolicesimo e sentiva di dover una spiegazione ai suoi amici e alla sua famiglia;

Charles Porterfield Krauth, La riforma conservatrice e la sua teologia rappresentate nella confessione di Augsberg e nella storia e letteratura della Chiesa evangelica luterana (Philadelphia: Lippincott, 1871) —Lutheranism ha una base diversa dal protestantesimo riformato prevalente negli Stati Uniti antebellum. Krauth critica il calvinismo come radicalismo e presenta il luteranesimo come il miglior presidio della dottrina cristiana primitiva;

Isaac Leeser, Catechismo per bambini ebrei concepito come un manuale religioso per la casa e la scuola, terza edizione (Filadelfia, 1856): un'introduzione al giudaismo riformato;

James M. Pendleton, Un vecchio punto di riferimento re-impostato (Nashville, Tennessee: South Western Publishing House, 1855) - the punto di riferimento nel titolo si fa riferimento alla nascita della denominazione Battista, che l'autore rinvia ai primissimi tempi cristiani, permettendogli così di affermare che la Chiesa Battista è la vera chiesa;

Philip Schaff, Storia della Chiesa cristiana, 4 volumi (Edimburgo: T. &c T. Clark, 1869-1885) - una continuazione del precedente lavoro dell'autore sulla chiesa apostolica, portando la storia attraverso il Medioevo fino alla Riforma;

Samuel Simon Schmucker, La Chiesa luterana americana, storicamente, dottrinalmente e praticamente delineata, in diversi discorsi occasionali (Springfield, Ohio: Harbaugh & Butler, 1851) - un'introduzione al luteranesimo con un'enfasi sulla sua compatibilità con l'assimilazione alla vita americana;

Isaac Mayer Wise, Il Dio cosmico: una filosofia fondamentale nelle conferenze popolari (Cincinnati: Office of the American Israelite & Deborah, 1876) - una dichiarazione dell'era della ricostruzione di una filosofia che Wise studiò in gioventù, la teologia romantica europea secondo cui Dio non era limitato al soprannaturale, ma parlò anche al cuore umano attraverso il mondo naturale.