1800-1860: le arti: pubblicazioni

William Apess, Un figlio della foresta (New York: Autore, 1829): l'autobiografia di un Pequot che si convertì al cristianesimo, combatté per gli americani nella guerra del 1812 e difese i diritti dei nativi americani;

Charles Averill, Kit Carson, Il principe dei cacciatori d'oro (Boston: GH Williams, 1849) - romanzi d'avventura come quello di Averill hanno contribuito a stabilire (ed esagerare) la leggenda di Kit Carson, famoso esploratore e soldato;

George Catlin, Lettere e note sulle maniere, gli usi e le condizioni degli indiani del Nord America, 2 volumi (London: Published by the author, 1841) —Catlin's account of his travel into the West; degno di nota soprattutto per la sua documentazione delle vite dei nativi americani;

James Fenimore Cooper, Il Deerslayer, 2 volumi (Philadelphia: Lea & Blanchard, 1841) - l'ultimo romanzo della serie Leatherstocking dimostra la maturità di Cooper come romanziere e la crescente visione religiosa;

Bottaio, The Last of the Mohicans: A Narrative of 1757, 2 volumi (Philadelphia: HC Carey & I. Lea, 1826), il secondo della serie Leatherstocking; un'emozionante avventura con Natty Bumppo nei panni del giovane Occhio di Falco;

Bottaio, I pionieri, 2 volumi (New York: Charles Wiley, 1823), il primo della serie Leatherstocking. Ambientato nel nuovo insediamento di Templeton, il romanzo stabilisce i conflitti morali che informeranno l'intera serie: civiltà contro natura; legge contro virtù; individuo contro società;

Bottaio, La prateria, 2 volumi (Philadelphia: Carey, Lea & Carey, 1827), il terzo della serie Leatherstocking. Con Natty come un uomo più anziano, il romanzo suggerisce che la natura selvaggia e le virtù naturali di Natty sono state invase dai progressi della civiltà americana;

George Copway, La vita, la storia e i viaggi di Kahj-ge-ga-gah-bowh (Albany: Weed & Parsons, 1847) —come l'autobiografia di Apess, questa autobiografia di Ojibwa è un racconto della salvezza cristiana, ma critica anche il razzismo americano e documenta la vita tra gli Ojibwa;

Richard Henry Dana Jr., Due anni prima del Mast (New York: Harper, 1840): un racconto vivido ed emozionante delle esperienze di Dana navigando intorno a Capo Horn, in Sud America e nella California spagnola. Il libro di Dana continua ad influenzare la letteratura americana del mare ed è considerato un capolavoro minore;

Alonzo Delano, Schizzi di coltelli a penna; o, Chip del vecchio blocco (Sacramento: pubblicato presso l'Union Office, 1853) —una raccolta di articoli "Old Block" per il Pacific News che ha venduto più di quindicimila copie in California. Old Block ha disegnato un ritratto compassionevole e mesto della vita nelle miniere d'oro;

Timothy Flint, Memoria biografica di Daniel Boone (Cincinnati: N. & G. Guilford, 1833) —L'immensamente influente biografia di Flint di Daniel Boone ha stabilito Boone come un'icona all'interno della letteratura popolare;

Margaret Fuller, Estate sui laghi (Boston: Charles C. Little e James Brown; New York: Charles S. Francis, 1844) - influenzato dal romanzo di Caroline Kirkland, Una nuova casa: chi seguirà (1839), Fuller, trascendentalista e femminista del New England, descrive le condizioni belle ma spesso dure e isolate della frontiera del Midwest;

Caroline Kirkland, Una nuova casa: chi seguirà? (New York: CS Francis; Boston: JH Francis, 1839) —Il racconto realistico e satirico della vita di Kirkland alla frontiera del Midwest;

Francis Parkman, Il sentiero della California e dell'Oregon (New York: Putnam, 1849): il racconto del giovane Parkman della sua esplorazione oltre il fiume Missouri rivela molto sugli atteggiamenti orientali verso l'Occidente;

John Rollin Ridge, La vita e le avventure di Joaquin Murieta, il celebre bandito californiano (San Francisco: F. MacCrellish, 1854), il primo romanzo in inglese di un nativo americano. Ridge racconta la leggenda popolare di Joaquin Murieta, un bandito messicano che vendica gli abusi subiti per mano degli americani;

Charles Sealsfield, Il libro di cabina, tradotto da CF Mersch (New York: J. Winchester, 1844): l'epica narrazione di Sealfield del movimento della civiltà americana dall'Est all'Ovest. Il romanzo è incentrato sulla lotta per l'indipendenza texana;

Catherine Soule, Pet of the Settlement: A Story of Prairie-Land (Boston: A. Tompkins, 1860) —La visione ottimista e colorata della vita di Soule nelle praterie. Il romanzo è noto per il trasferimento della domesticità letteraria in un ambiente occidentale.