1774 quebec act

Atto del Quebec. 20 maggio 1774. Sebbene previsto prima della distruzione del tè nel porto di Boston che provocò il governo imperiale a reprimere il Massachusetts, il Quebec Act allarmò le colonie tanto quanto i cosiddetti atti intollerabili. Estendendo i confini del Canada al fiume Ohio, ha rimosso dal controllo delle colonie stabilite alcuni dei territori occidentali rivendicati da Connecticut, Massachusetts e Virginia. Concedendo ai canadesi francesi il pieno godimento della loro religione, in effetti istituì la Chiesa cattolica romana in Canada. Riconoscendo i meccanismi di possesso della terra che erano stati utilizzati sotto il regime francese, ha calmato i nervi canadesi sulla sicurezza della loro proprietà. Facendo servire i membri del consiglio reale che governava la colonia secondo il capriccio del re, rafforzò la mano del governatore reale nel trattare con la legislatura della colonia. Tutte queste disposizioni erano radicate in una solida riforma governativa per una colonia conquistata che era stata sotto quello che equivaleva a un governo militare dal 1763. Ma nel contesto della crisi imperiale, ogni disposizione esacerbò una causa esistente di controversia tra le colonie stabilite e la madre nazione. Per la maggior parte dei canadesi, il ristabilimento di usanze e tradizioni familiari li rese meno risentiti del dominio britannico, ma poiché l'atto favoriva anche le tradizionali fonti di potere nella società canadese, i canadesi non erano attivamente fedeli alla Gran Bretagna tanto quanto neutrali quando i ribelli americani invasero nell'estate del 1775.